Maurizio Manzo

Versione stampabileSend to friendPDF version

da “Rizomi e altre gramigne”, Editrice Zona, 2016

 

Cerchi

È sparito il tuo mondo dissociato, qualcuno te lo mostra rattrappito

dentro una palla di vetro innevata, c’è anche la tua cattedrale e la piazza

spiazzata quella sofferenza inflitta, tutto ruota intorno a sé un cerchio lento

che non si chiude resta aperto e spento, le cose che non andavano fatte

hanno inciso cicatrici gemelle, e non basta scuotere le spalle il capo.
 

Collare

Ho visto che son morti tutti i torti, impiccati un po’ prima di fare buio

quando se respiri vomiti forte, ora intorno è piatto liscio e circolare

un tempo avevo un collare dorato, ero una vetrina sempre illuminata

si poteva scendere senza scale, prima ancóra di salire e smaltire

le vertigini come fossero anni, poi fuggire da quello che inseguivi.

 


Nato a Cagliari nel 1961, nel quartiere Castello, quartiere che influenzerà non poco la sua infanzia, Maurizio Manzo ha iniziato a scrivere fin da giovanissimo. Il suo primo poemetto, “Coreografia del ghetto storico” racconta il “delirio” di quattro donne ai margini, ambientato nelle stradine di Castello, e mostra, nonostante la giovane età, una forza stilistica già matura. Il poemetto scritto nel 1981 è stato pubblicato nel 1985, Edizioni Castello, con la presentazione di Tonino Casula. Dopo molti anni da questa prova e grazie alle possibilità offerte dal web, Maurizio Manzo pubblica diversi testi e lavori raccolti in ebook nei vari Litblog, testi che raccontano il disagio sociale senza retorica: “Le anamorfiche”, “Mirate”, “Fai da te”, “ “All’ombra dei pixel”, ”Distorsioni a occhio nudo” con un’attenzione particolare all’aspetto metrico-ritmico e al suo farsi suono-immagine-senso.

A ottobre 2014 è uscita la sua seconda raccolta poetica per Lepisma Edizioni, collana La Cicala diretta da Dante Maffia: Sette terribili ostriche e una perla.

Di aprile 2016 la terza raccolta poetica per Editrice ZONA – Collana Zona Contemporanea qui presentata: Rizomi e altre gramigne