Settembre 2005, anno II, numero 3

Agostino Contò, Omaggio a Franco Cavallo

Agostino Contò: Ricordo di Franco Cavallo

Franco Cavallo si è spento nella primavera di quest'anno. La stima che abbiamo sempre avuto per il suo lavoro poetico è testimoniata dal premio che gli abbiamo conferito per la "raccolta inedita" nel 1999 nell'ambito del Montano. Ricordiamo questo grande poeta con le affettuose parole di Agostino Contò.

e il mare che bussa
alla porta dell'assente - e c'e una tristezza frammista
a olio & catrame
il sole esce di pista.
e la nottiluca chiama:
voce chiara e distinta
nella sera che s'oscura.

Marco Furia, Recensioni

Suggestive tavole

Andrea Gigli, Tavole fenotipiche, Cierre grafica, Verona 2005

Un linguaggio denso, a tratti quasi claustrofobico, ricco di termini in uso nella professione medica, ma non ignaro di impronte lessicali, anche minime, vivaci spie di un possibile impegno poetico:
questa, in sintesi, la proposta di “Tavole fenotipiche”.
Il tutto trattenuto entro i precisi schemi imposti da un impulso versificatorio desideroso di definirsi (ed apparire) tale, ben consapevole del fatto che darsi una regola risulta, di frequente, operazione feconda.
Né manca l’ analisi, attenta, del rapporto instaurato col mondo dalla comune maniera di esprimere: proprio da qui, forse, l’ esigenza di rivolgersi ai modi dissimili della poesia. Andrea Gigli, insomma, ci conduce con coerente caparbietà alla ricerca di presenze nascoste, estraendo versi da una sostanza, in apparenza refrattaria, venata da peculiari suggestioni linguistiche.
Si può essere medici e poeti, ma anche medici poeti, senza dubbio.

Via Her√°kleia

Via Herákleia
Forme della poesia contemporanea

Collana di scritture fondata nel 1997
da Ida Travi e Flavio Ermini
curata da Flavio Ermini

“Via Herákleia” è una collana di poesia contemporanea curata da Flavio Ermini per la casa editrice Cierre Grafica.

Con questa iniziativa, inaugurata nel 1997, il curatore intende inoltrarsi in zone della poesia fortemente contaminate dall’arte, dalla filosofia e dall’estetica o, più in generale, dalla fusione dei linguaggi della contemporaneità.

Intorno alla redazione di Anterem, Notizie dagli Editori

ANTEREM EDIZIONI

Gli ultimi due volumi pubblicati nella collezione di saggi “Pensare la letteratura” sono:

  • Tiziano Salari, Le asine di Saul (2004)
  • Ellis Donda, Invocazione (2005)

Nella collezione di scritture “Limina” hanno visto la luce i volumi:

  • Franco Riccio, Barlumi immemori (2004)
  • Carla Paolini, Modulati.Modulati (2004)
  • Fabrizio Podda, Cave Amen (2004)
  • Marcello Gombos, Il rovello di Tycho Brahe (2005)
  • Augusto Blotto, Belle missioni da una terra fisa (2005)
  • Gio Ferri, L’assassinio del poeta. Canti X-XV (2005)
  • Daniela Piazza, Corpi fragili (2005)
  • Marco Furia, Impressi stili (2005)

ANTEREM EDIZIONI

Intorno alla redazione di Anterem, Notizie dagli Autori

MADISON MORRISON

In 2005 two books about Madison Morrison's oeuvre have appeared:

(1) MM: The Sentence Commuted (Sentence of the Gods Press: Norman, OK), an anthology of five dozen contributions by four dozen contributors in 20 languages
(2) Frank W. Stevenson, Chaos and Cosmos in Morrison's Sentence of the Gods (St. Joseph's Press, Bangalore)

Both books concern those 19 of the 26 volumes in MM's ongoing universal epic already published and include information regarding the author's plans to complete the work. In addition to the books of the Sentence Morrison is author of a collection of essays, Particular and Universal (Crane: Taipei, 1999) translated by Alessio Rosoldi and published in 2004 by Anterem Edizioni as Particolare e universale: riflessioni sulla letteratura in Asia, Africa, Europa e America. In 2004 two books of the Sentence, one based upon the Bible, one based upon Homer's epics and the life of Vergil, appeared in a single volume titled Every Second (The Working Week Press: Alexandria).

Festival Verona Poesia

Dal 3 al 9 ottobre si svolgerà a Verona il Festival Verona Poesia, nell’ambito del quale “Anterem” produrrà tre incontri pomeridiani e il grande evento finale.

Rassegna Anterem per Verona Poesia

Titolo della rassegna: PENSARE SENZA BALAUSTRE
[«Denken ohne Geländer» Hanna Arendt]

PRIMA PARTE

Giovedì 6 ottobre, ore 18

Dall’Assoluto all’Eresia

  • Luigi Reitani (docente di germanistica dell’Università di Udine e curatore del Meridiano Mondadori di Hölderlin) ci guida attraverso alcune esemplari opere letterarie dalla sacra elevatezza che ci sta alle spalle al protendersi dell’uomo verso il proprio essere finito.
  • L’itinerario è accompagnato dalla lettura di testi di quattro autori di lingua tedesca: Ingeborg Bachmann, Paul Celan, Christine Lavant, Thomas Bernhard.
  • La lettura è proposta da una compagnia teatrale in traduzione italiana (la traduzione è inedita in Italia ed è di Luigi Reitani).

Venerdì 7 ottobre, ore 18

Sirio Tommasoli, Estetiche di Anterem, sui Video della Biennale

Sirio Tommasoli, Presentazione dei Video della Biennale

La forma dell’arte è come il fiore di Mallarmé che dall’oblio “musicalmente s’innalza, idea incarnata e soave, l’assente da tutti i mazzi”.

L’arte dimora nella stanza dell’oblio, un’area oscura, impermeabile ai processi di conoscenza che indagano e analizzano il contesto oggettivo e soggettivo dell’opera, l’epoca, i referenti esterni, le connessioni riconducibili alla vita e alla psicologia dell’autore. Il segno dell’artista è realtà in sé, non ha significati o riferimenti rintracciabili al di fuori di se stesso, non rappresenta o descrive cosa altra da sé.

I Biennale di Poesia di Verona e Cerimonia di Premiazione

Centro Studi Internazionale “Lionello Fiumi”
In collaborazione con Associazione culturale Anterem

Verona, Palazzo della Gran Guardia 24 settembre 2005

Giunta alla sua decima edizione, la manifestazione organizzata dalla Biblioteca Civica insieme con “Anterem” continua a mantenere quei presupposti di qualità e innovazione che tanti consensi hanno raccolto negli scorsi anni.

Ancora una volta l’intento è quello di allargare i confini, offrire più occasioni di confronto, di ascolto, dare spazio alle voci dei tanti poeti che accompagnano nel corso delle varie edizioni il premio intitolato a Lorenzo Montano. E insieme con la poesia, la musica, la danza, le arti visive, riflessioni critiche, confronti, spunti per approfondimenti.

Flavio Ermini su Marcello Gombos, Premio ‚ÄúUna Poesia Inedita‚ÄĚ

Marcello Gombos, Dagli antichi flutti,
poesia vincitrice della sezione “Una poesia inedita –
Circoscrizione Centro storico del Comune di Verona”

La vita è sottoposta a continue trasformazioni. L’essere umano vive costantemente sotto il peso di pericolo incombente che gli impone, ogni volta che si fa reale, di superare una soglia e di mettersi su una nuova strada.
Le trasformazioni di cui Gombos con Dagli antichi flutti ci parla corrispondono alle varie età dell’uomo e si delineano come un precipitare rovinoso verso l’ammutolire. In ogni fase della trasformazione si percorrono strade tra cui è inevitabile smarrirsi.

Condividi contenuti