Invia le tue “varianti” entro il 30 giugno

Versione stampabilePDF version

Il Centro di Documentazione sulla Poesia Contemporanea “Lorenzo Montano”

aspetta le tue “varianti” entro il 30 giugno

presso la Biblioteca Civica, via Cappello, 37121 Verona

Biblioteca Civica di Verona: Sala teologia

Certamente hai un tuo testo poetico che è passato attraverso diverse stesure prima di trovare la sua forma più compiuta. Oppure una poesia che sta nascendo tra molte riscritture. Ti chiediamo di mandare al Centro di Documentazione proprio “quelle” stesure, nella loro forma originale o anche in fotocopia.

Siamo certi che aderirai, condividendo con noi un dejà vu. Il ritorno di un’idea avvenuto ripensando a un volume di molti anni fa. Nella consapevolezza che nel suo trascorrere il tempo non ne ha scalfito il pensiero sotteso.

Quindici anni fa pubblicammo un numero di “Anterem” dedicato alle “varianti”. Chiedendo agli autori di offrire non solo il testo ultimo, ma anche una sua precedente versione. Perché i poemi sono sempre in cammino, come afferma Celan; e per consentire al lettore di guardare nel laboratorio del poeta, e attraverso quest’apertura osservare i movimenti del testo nelle varie fasi del suo farsi.

Nell’editoriale di allora, dal numero 45 del dicembre 1992, Flavio Ermini scriveva: “Il presente numero di “Anterem” indica i momenti privilegiati in cui il poeta manifesta, in forma di varianti, i diversi motivi del suo dire; l’intreccio di vari piani linguistici e delle varie soluzioni stilistiche possibili. Intreccio dove ogni esito può costituire un nuovo inizio, e ogni risposta data si trasforma in domanda”.

Nel saggio di apertura, Carla Locatelli analizzava principalmente Emily Dickinson, Gertrude Stein e Paul Celan. scarica il saggio [PDF 2.16 MB]

Foto Dickinson
Dickinson
Foto Celan
Celan
Foto Stein
Stein
Foto Locatelli
Locatelli

Di Emily Dickinson ad esempio ricordava che “spesso non scelse tra le varianti suggerite per le sue poesie, e tutte le soluzioni che le parvero accettabili furono mantenute nella bella copia finale dei suoi taccuini. Ne deduciamo che la stesura finale è quindi volutamente aperta”.

Un esemplare intervento di variante poetica, che testimonia il paziente lavoro operato sul testo, pubblicato in “Anterem” 45, era costituito da “pseudosupplica” di
Foto Eugenio De Signoribus
Eugenio De Signoribus

 

pseudosupplica
asfissiato da luglio carico di libri
la dea delle radici invoco
che il miracolo compia d’una folta
cornice bruna e il vento in gioco

la gazzarra dei passeri mi porti
nomi degli amici, i loro fiati,

mentre si sbarra il bordo della vita

e guardo strade che mai percorrerò
pseudosupplica
asfissiato da luglio carico di cenere
la dea delle radici invoco
che il miracolo compia d’una folta
cornice bruna e il vento in gioco

e l’urto di passeri in gazzarra
dalla sbarra schiodi l’ordo vitae,
anche se, staccato pure il bordo,
guardo strade che mai percorrerò…

 

In un recentissimo saggio, che sarà pubblicato nel prossimo numero di “Carte nel Vento”, Tiziano Salari affronta la tematica delle varianti analizzando soprattutto l’opera di Leopardi, Pasolini, Hoelderlin.


Foto Leopardi
Leopardi
Foto Pasolini
Pasolini
Foto Hoelderlin
Hoelderlin
Foto Salari
Salari

E in questo intervento, arrivando ai nostri tempi, Salari osserva: “le cose si complicano per gli scrittori nuovi, che non hanno ancora una fama consolidata, e che talvolta, in certe condizioni di spirito, accantoniamo per sempre anche se scrivono una buona poesia.

Per porre un riparo a questo oblio annunciato, alla deriva silente delle cancellazioni, il Centro di Documentazione sulla Poesia Contemporanea “Lorenzo Montano” intende offrire un approdo stabile a tutti i poeti e alle loro opere. Per la conservazione non solo dei testi ultimi, ma anche delle loro precedenti versioni: testimonianza viva e diretta del lavoro autoriale. Da mettere a disposizione degli studiosi del nostro tempo e di quelli che verranno.