Novembre 2007, anno IV, numero 8

Versione stampabileSend to friendPDF version

Carte nel Vento

 

periodico on-line 
 del Premio Lorenzo Montano

 

a cura di Ranieri Teti

 

Il senso di un premio 

Un premio di poesia è un osservatorio molto privilegiato: consente al gruppo di lavoro che lo organizza di attraversare le varie tendenze della poesia a noi contemporanea e di cogliere – al di là degli esiti – le diverse ricerche poetiche in atto. 

Il Premio Lorenzo Montano ha radici solidissime, fondate sull’esperienza letteraria della rivista “Anterem”. Grazie a tale esperienza nel corso degli anni i poeti della redazione hanno sempre svolto un’attenta indagine critica su tutte le opere pervenute.  

Al fine di condividere con i nostri lettori il piacere dell’analisi teorica sui testi, a iniziare da questa edizione abbiamo deciso di rendere pubblica una parte del lavoro critico svolto. 

Il risultato è racchiuso nel presente numero di “Carte nel Vento”, in cui è possibile leggere le interpretazioni critiche svolte dai poeti della redazione di “Anterem” su finalisti e vincitori di tutte le sezioni: Angioni, Azzalin, Bona, Celli, Comoglio, Di Cicco, Donelli, Ferraris, Fontana, Frisa, Fusé, Ghignoli, Guantini, Guglielmin, Infelìse, Isella, Marotta, Pepe, Pontiggia, Ricciardi, Rofena, Roncari, Rossi Precerutti, Sala, Solimine, Spataro, Vezzali. 

Un'altra parte del lavoro critico si è svolta nei licei, dove gli studenti delle ultime classi sono stati invitati a scrivere brevi saggi su alcune opere, e si è inoltre propagata per più giorni presso gli abituali frequentatori della poesia in città.

L’indagine teorica è diventata successivamente oggetto di un’intera giornata della recente “Biennale” in cui è andato in scena l’incontro, e il confronto, dei poeti segnalati e menzionati dalla 21^ edizione del Premio con i critici. 

Il “Montano” indica che il senso di un premio può proseguire a delinearsi anche dopo l’assegnazione dei riconoscimenti. Quando tutto potrebbe essere terminato, può insistere a cercare l’ascolto di quella parola che – come segnala Celan – chiede di mettersi in viaggio verso se stessi.  

Il viaggio, naturalmente, continua.

Ranieri Teti (biobibliografia)

cartenelvento@anteremedizioni.it