Gennaio 2006, anno III, numero 4

Versione stampabileSend to friendPDF version

Carte nel Vento

 

periodico on-line 
del Premio Lorenzo Montano

 

a cura di Ranieri Teti

 

La mappa di questo quarto numero di Carte nel Vento si articola attraverso le parole dei poeti, le musiche che da queste prendono forma, le immagini.

Tutto racconta e documenta, oltre alla cerimonia conclusiva del Premio, la composita avventura della Biennale di Poesia, promossa da Anterem in collaborazione con la Biblioreca Civica di Verona e nata nel 2004 intorno al Premio Lorenzo Montano.

Protagonisti della Biennale sono infatti i “poeti scelti” di ogni edizione del Premio, invitati a leggere i propri testi in luogo d’incontro e ascolto reciproco, in una rete che unisce esperienze e poetiche, oltre che varie arti. Quest’anno si è trattato di un vero e proprio reading.
Come testimoniato dal nuovo bando, questa esperienza proseguirà con rinnovate idee e ulteriori approfondimenti legati alla poesia e ai suoi sconfinamenti.

E continua, con sempre nuove proposte qui documentate, la presenza di Anterem all’interno del Festival “Veronapoesia”. Queste proposte nascono dai temi trattati dalla rivista e si intrecciano con le letture dei poeti selezionati nell’ambito del premio. E’ il caso della performance poetico-musicale della durata di 24 ore dedicata a “Vexations” di Erik Satie, con quaranta poeti che si sono alternati, in vari momenti della giornata, al microfono.

Prosegue con nuovi impulsi anche la collaborazione del Premio con l’Editrice Cierre Grafica per la collana “Opera Prima”. Consiglio a tutti coloro che non hanno ancora pubblicato in volume la lettura dell’intervento di Flavio Ermini.

Nel corso di questi 20 anni, aumentando continuamente gli spazi intorno al Premio, abbiamo cercato di far sì che la partecipazione al “Lorenzo Montano” non fosse fine a se stessa, esaurendosi una volta proclamati i vincitori, ma potesse per molti poeti aprire ulteriori, impreviste e bellissime strade.
La mappa è tracciata. Descrive un luogo interamente abitato dalla poesia.

Ranieri Teti