D’altro canto di Laura Caccia

Versione stampabileSend to friendPDF version
D’altro canto di Laura Caccia

 

Opera vincitrice “Raccolta inedita”
Premio Montano, XXVI ed.

 

L’opera viene pubblicata da Anterem Edizioni, con una premessa di Giorgio Bonacini e la postfazione di Stefano Guglielmin. Qui anticipiamo per i nostri lettori l’incipit del libro.

È un libro importante. Tra i più belli della collana editoriale “La ricerca letteraria”, curata da Ranieri Teti; la collana di Anterem che raccoglie le opere vincitrici della sezione “Raccolta inedita” del Premio Lorenzo Montano.
In questi versi, come lucidamente annota Giorgio Bonacini nella sua prefazione, è viva la “disposizione all’accoglienza di ciò che non si sa, ma che certamente è: raccogliere la precarietà di ogni significato e la dissipazione che attua la sua semina, per far crescere una lingua senza abusi. Una lingua che dilati la sua esistenza fino a contenere, anche solo nello spazio di una sillaba o nel tempo di una pausa, lacerazioni e ferite, dimenticanze e perdite. È a questa tensione che Laura Caccia affida il suo pensare, impaginando un reticolo che contamina se stesso nella cura risorgiva del poema: con ritmi e ondulazioni che mai si perdono o inciampano in ingenuità o artificiosità”.