Anno 2005 "Officina della percezione 2"

Versione stampabileSend to friendPDF version

Da L'Arena del 22 settembre 2005

Due eventi da non perdere per gli appassionati di poesia

BIENNALE DI POESIA E PREMIO LORENZO MONTANO

Manifesto Biennale Verona Poesia: Locandina della manifestazione

Alla Gran Guardia sono in programma per sabato 24 settembre due eventi di particolare interesse per chiunque sia appassionato di poesia: la giornata conclusiva della prima Biennale di Poesia e la cerimonia di premiazione del Premio Lorenzo Montano. Entrambe le manifestazioni sono promosse dalla rivista di ricerca letteraria “Anterem” (che proprio quest’anno celebra i trent’anni di attività) in collaborazione con la Biblioteca Civica di Verona.

La Biennale di poesia avrà inizio la mattina alle ore 9 e proseguirà fino al tardo pomeriggio. Sarà coordinata da Agostino Contò (quale rappresentante della Biblioteca Civica), Flavio Ermini (come direttore della rivista “Anterem”) e Ranieri Teti (in qualità di responsabile del Premio). Gli organizzatori hanno annunciato la presenza di oltre 60 poeti provenienti da ogni parte d’Italia, selezionati tra i migliori partecipanti dell’ultima edizione del Premio “Lorenzo Montano”.

L’evento si configura come un vero e proprio reading, con le letture dei poeti sottolineate dalle note del pianista veronese Francesco Bellomi, docente al Conservatorio di Milano. Renderanno ancor più suggestivo e spettacolare l’evento alcuni sconfinamenti della poesia verso altre arti.

Alle ore 11, nella sezione della Biennale “Poetiche della percezione”, le attrici Jana Balkan e Isabella Caserta proporranno una riduzione teatrale di alcuni tra i testi più significativi della poesia francese contemporanea.

Alle ore 16, nella sezione “Estetiche della percezione” – sempre inserita tra le letture dei poeti presenti, che costituiranno il vero filo conduttore della giornata – saranno proiettate opere di videoartisti internazionali. La proiezione, inedita per Verona, sarà introdotta da Sirio Tommasoli.

Con la seconda parte della giornata si giunge a uno degli appuntamenti culturali più importanti dell’anno: la cerimonia conclusiva della 19^ edizione del Premio “Lorenzo Montano”, un Premio che ha tra le sue finalità quella di portare alla luce opere concretamente nuove e di offrire prove di pensiero e di stile capaci di donare la gioia di leggere.

Dopo gli interventi delle autorità (si prevede la partecipazione del professor Maurizio Pedrazza Gorlero, vicesindaco e assessore alla cultura, e di Matteo Bragantini, assessore alla cultura e all’identità veneta della Provincia di Verona), alle ore 17 ci sarà la premiazione di una delle più grandi scrittrici italiane di oggi, Ginevra Bompiani. Autrice di libri memorabili – quali Le specie del sonno (1975), introdotto da Italo Calvino, Tempora (1993), Il ritratto di Sarah Malcolm (2005) – è stata premiata, con la pubblicazione dell’antologia personale delle sue prose Metamorfosi edita da Anterem Edizioni, nella sezione “Opere scelte - Regione Veneto”.
Saranno inoltre premiati i tre vincitori della sezione “Opera edita - Provincia di Verona”: Luigi Ballerini, Albino Crovetto, Franco Falasca. Tra questi poeti, una Grande Giuria Popolare formata da numerosi cittadini veronesi ha scelto quale supervincitore Luigi Ballerini con il libro Cefalonia edito da Mondadori.

Anche in questa edizione, sono stati coinvolti nel voto i due licei cittadini Maffei e Fracastoro e i due licei della Provincia di Verona: il Liceo classico Cotta di Legnago e il Liceo scientifico Medi di Villafranca; ma con una novità: per gli studenti di tali Licei – guidati dai docenti Luca Bragaja, Emma Cerpelloni Luisa Zanettin e Alessandra Zangrandi – è stato istituito un ulteriore premio: una somma destinata all’acquisto di libri per la migliore nota critica prodotta sulle opere vincitrici. Gli organizzatori sono molto fieri di questa iniziativa, perché da essa nasce la linea di tendenza del Premio: aprire sempre di più ai giovani, soprattutto a quelli che restano fedeli alla loro forza immaginativa.

Il premio per la “Raccolta inedita”, la sezione storica del “Lorenzo Montano” che prevede la pubblicazione presso Anterem Edizioni dell’opera vincitrice, quest’anno sarà attribuito a Giulio Marzaioli, una delle voci più caratterizzate della poesia italiana contemporanea, con la raccolta In re ipsa.

Il premio per “Una poesia inedita” sarà assegnato a Marcello Gombos, grazie al lavoro di una Giuria Critica composta da 60 tra critici, docenti, filosofi, storici della letteratura e dell’arte.

Una scelta delle poesie di tutti gli autori premiati sarà interpretata da Carla Totola e Massimo Totola. Michela Oldin eseguirà quadri di danza e Francesco Bellomi al piano proporrà le musiche di sua composizione ispirate dai testi, in prima esecuzione assoluta.

La straordinaria partecipazione di due tra i maggiori filosofi italiani, Remo Bodei e Vincenzo Vitiello che interverranno sul rapporto tra poesia e pensiero, completerà il programma.