Numero 90 (giugno 2015)

“Anterem” 90. Un numero da collezione!

Anterem 90

È in distribuzione il numero 90 di “Anterem” (giugno 2015). È un numero speciale, da collezione. Con questo fascicolo festeggiamo i quarant’anni della rivista! Il tema cui il numero è dedicato è “Le vie dell’errore”. A tale proposito Flavio Ermini registra nell’editoriale: “Confrontarci con le vie dell’errore significa riconquistare un rapporto genuino con il pensiero … significa ricominciare finalmente a riflettere su cos’è l’essere”.

Convengono al dialogo su questo numero poeti e pensatori di rilievo internazionale, in un succedersi avvincente di poesie e saggi.

Di particolare rilievo sono le poesie in lingua francese di Marcelin Pleynet, tradotte da Andrea Schellino.

Vanno altresì segnalati i testi poetici del compositore Giacinto Scelsi, a cura di Domenico Brancale, e i testi di Pierre Reverdy, a cura di Adriano Marchetti.

A tutti coloro che, sulla base di questi elementi, desiderano iniziare a confrontarsi con il nostro cammino di ricerca consigliamo di abbonarsi.

L’abbonamento è biennale e consente un aggiornamento costante sulle più significative tendenze poetiche internazionali.

È comunque possibile richiedere anche solo questo “speciale” fascicolo.

Per richieste e informazioni scrivere a: direzione@anteremedizioni.it

Per ricordare Pascal Gabellone

Gabellone

Pascal Gabellone (poeta e saggista) è morto a Montpellier nella notte tra il 18 e il 19 maggio 2015, dopo una lunga malattia. Diamo questa dolorosa notizia con immensa tristezza. Pascal era un grande amico oltre che un prezioso collaboratore di "Anterem". E vogliamo ricordarlo in una occasione felice: quando nell’ambito del Premio Lorenzo Montano XXVII edizione gli era stato conferito il Premio Speciale della Giuria “Opere Scelte”  per aver orientato il pensiero su quel dialogo tra poesia e filosofia che era proprio della sapienza antica, rimodulandolo in forme inedite e riattivandolo con il coraggio peculiare della veglia contro l’irrigidimento delle verità. Ricordiamo che il premio era stato attribuito a Gabellone per aver fatto emergere nella scrittura il ruolo di un pensiero che è insieme origine e fine, soggetto e oggetto, ma anche il loro superamento; un pensiero che si forma più su appunti di percorso che su descrizioni di uno stabile dimorare.

Proprio con tali motivazioni avevamo  riconosciuto a Pascal Gabellone la pubblicazione di una raccolta di riflessioni, tra le più significative del suo lavoro teorico.

L’opera ha per titolo Fra terra e cielo. Uno sguardo sui confini ed è edita nella collana “Itinera” di Anterem Edizioni. È introdotta da un intervento del filosofo e teorico della letteratura Antonio Prete.

Per i nostri lettori, riproponiamo qui alcune pagine del libro:

Nella foto: Pascal Gabellone in uno scatto di Maria Grazia Veroni, al Forum 2013 organizzato dalla rivista “Anterem” in collaborazione con la Biblioteca Civica di Verona.

Anterem – Quarant’anni di poesia e pensiero

Riviste Anterem

Quarant’anni or sono nasceva “Anterem”. Invitiamo le nostre lettrici e i nostri lettori a festeggiare questo compleanno insieme a noi. Ci saranno due occasioni d’incontro con i poeti della nostra redazione: una a Bologna e una a Mantova.

Nella cornice di due importanti festival, avremo l’opportunità di conoscerci personalmente o semplicemente di rinnovare la nostra amicizia sfogliando insieme gli ultimi numeri della rivista.

Per Bologna, l’occasione è l’evento “Bologna in Lettere” (16 maggio 2015).
Scaricare il programma al link:
https://boinlettere.wordpress.com/2015/04/19/bologna-in-lettere-2015-il-...

Per Mantova, l’occasione è il “Festival Internazionale di Poesia Virgilio” (22-23-24 maggio 2015).
Scaricare il programma al link:
www.poesiaterradivirgilio.it/il-festival/

Vi aspettiamo!

La redazione di “Anterem”
Giorgio Bonacini, Laura Caccia, Davide Campi, Mara Cini, Flavio Ermini, Marco Furia, Rosa Pierno, Ranieri Teti.

Rilke e la natura dell’oscurità. Il nuovo libro di Flavio Ermini

Rilke e la natura dell’oscurità Il nuovo libro Flavio Ermini

 

L’ultimo lavoro saggistico di Flavio Ermini si configura come un profilo letterario assolutamente inedito di Rainer Maria Rilke. Il volume ha per titolo Rilke e la natura dell’oscurità ed è pubblicato da AlboVersorio, 2015, nella collana “Studi” diretta da Erasmo Silvio Storace.

Seguendo un cammino che va da opere leggendarie come le Elegie duinesi fino a lavori meno frequentati dalla critica come Worpswede, Ermini si accosta alla scrittura di questo poeta lungo sentieri obliqui, laterali, in ombra: là dove una parola ancora può dirsi nell’aderire al movimento del testo, nell’assentire al gesto sempre incompiuto della nominazione.

Grazie a tale esperienza, Ermini può registrare qualcosa d’imprevisto e insieme d’impensato rispetto alle abituali cognizioni sulla poetica di Rilke.

Il volume (5,90 euro, 48 pagine) può essere richiesto in tutte le librerie oppure può essere ordinato on-line:

https://alboversorio.wordpress.com/catalogo/collana-studi/

Ne parlano: Patrizia Garofalo su tellusfolio.it; Marco Furia su Pergeion; Giuseppina Rando su tellusfolio.it;

Giorgio Bonacini e Marco Furia

Giorgio Bonacini, Inediti, Poesia 2.0, 2015 Marco Furia, Scritti Echi, La Recherche.it, 2015

Segnaliamo l’uscita di due nuovi eBook:

Giorgio Bonacini, Inediti, Poesia 2.0, 2015

Marco Furia, Scritti Echi, La Recherche.it, 2015

Due libri

Due poeti di “Anterem” propongono i loro nuovi lavori.

Giorgio Bonacini (1955) ha fatto parte del gruppo d’arte e poesia “Simposio Differante”. Tra i suoi libri di poesia: Teneri Acerbi (1988), L’edificio deserto (1990), Il limite (1993), Falle farfalle (con A. Pellacani, 1998), Quattro metafore ingenue (2005), Sequenze di vento (2011), Teneri Acerbi. 53 poesie (2014). Redattore dal 1989 di “Anterem”, cui collabora dal 1981.

Marco Furia (1952), poeta. Tra i suoi libri: Effemeride (1984), Efelidi (1989), Bouquet (1992), Minime topografie (1997), Menzioni (2002), Impressi stili (2005), Pentagrammi (2009), La parola dell’occhio (2012). Svolge un’intensa attività critica. Redattore di “Anterem” dal 1989.

Aprile 2015, anno XII, numero 27

Carte_nel_vento_numero_27

 

Dalla carta, attraverso la voce, alla rete. La poesia declinata al presente. Il presente (quello nascosto, quello assente, quello vero) detto in poesia. Senza stereotipi, nella libertà delle differenze. Come nei pressi di un confine. “Al di qua c’è lo scacco, la morte del soggetto, al di là c’è il Nomos, la Necessità. La poiesis si fa nella miseria e nella caducità dell’esserci, per portarsi nel regno intermedio, oltre il quale c’è il nulla” ci ricorda Aldo Trione. 

Primerio Bellomo, Martina Campi, Mauro Caselli, Alessandro Catà, Rita Florit & Alfredo Riponi, Carlo Invernizzi, Michele Porsia, Viviana Scarinci, Italo Testa, Silvia Tripodi, Paola Zallio ci conducono in questo luogo sorvegliato dal silenzio, in cui è possibile prolungare il sentire.

Molti dei poeti di questo nuovo numero di “Carte nel vento”, tutti finalisti e vincitori del “Montano 2014”, sono stati presenti al “Forum di Anterem” del novembre scorso. Tutti sono introdotti dai redattori della rivista. In attesa degli autori del 2015, ricordando che fino al 15 aprile è possibile inviare i materiali al Premio (scarica il bando della 29^ edizione), auguriamo buona lettura.

Leggi tutto

In copertina: Laura Fortin, L’absence

Premio Lorenzo Montano - XXIX Edizione (2015)

ANTEREM
RIVISTA DI RICERCA LETTERARIA
 
Premio di poesia e prosa
Lorenzo Montano 
 
V E N T I N O V E S I M A  E D I Z I O N E  ( 2 0 1 5 )

"Raccolta inedita", "Opera edita", "Una poesia inedita",
"Una prosa inedita", "Opere scelte"

 

È già disponibile il bando del Premio Lorenzo Montano, giunto quest’anno alla XXIX edizione.

Promosso e organizzato dalla rivista “Anterem”, il Premio si articola in cinque sezioni: “Raccolta inedita”, “Opera edita”, “Una poesia inedita”, “Una prosa inedita”, “Opere scelte”.

 

Locandina del Premio Lorenzo Montano XXIX edizione


I poeti vincitori, finalisti e segnalati leggeranno i propri testi nel corso di un grande Forum multimediale che coinvolgerà musicisti, editori di poesia, critici letterari e filosofi, esponenti di siti web e riviste specializzate. Per ogni sezione sono previsti rilevanti riconoscimenti sia editoriali sia in denaro.

Scarica il bando del Premio Montano

Giuseppe Ungaretti e Paul Celan

Giuseppe Ungaretti tradotto da Paul Celan 

Giuseppe Ungaretti tradotto da Paul Celan

Sul numero 87 di “Anterem” (dicembre 2013) abbiamo pubblicato alcuni frammenti poetici di Giuseppe Ungaretti con la traduzione a fronte in lingua tedesca di Paul Celan.

Li riproponiamo ai lettori del nostro sito, certi di far loro piacere.

I frammenti poetici di Giuseppe Ungaretti sono tratti da Cori descrittivi di stati d’animo di Didone (in La Terra Promessa, 1950) e da Ultimi cori per la Terra Promessa (in Il taccuino del vecchio, 1960). La traduzione di Paul Celan è tratta da P. Celan, Gesammelte Wercke in fünf Bänden, a cura di Beda Allemann, in collaborazione con Klaus Reichert e Rolf Bücher, Suhrkamp, Frankfurt am Main 1983. L’originale della firma autografa di Ungaretti è conservato presso il Fondo manoscritti dell’Università degli Studi di Pavia.

16 marzo 2015: Opere e libri

Protomoteca della Biblioteca Civica
16- 23 marzo 2015
Mostra bibliografica in collaborazione con edizioni Orolontano

OPERE E LIBRI
a cura di Chiara Tavella

Inaugurazione: lunedì 16 marzo 2015, ore 17.0
alla presenza degli artisti e dei poeti

Opere e Libri

presentazione di due nuove edizioni:

TRA/E

Manuela Bedeschi, Lucilla Catania, Alfonso Filieri, Annamaria Gelmi, Claudia Peill, Nelio Sonego.
Testi di Agostino Contò, Flavio Ermini, Maria Grimaldi Gallinari, Nico Naldini, Ranieri Teti, Ida Travi.

La bianca quiete della neve innerva

Danino Božic, Mirjana Matic, Miljenka Šepic.
Testo di Alessandro Salvi.

presentazione di una selezione delle edizioni orolontano:

Azioni antiche: Lucilla Catania, Alfonso Filieri, Claudia Peill, Nelio Sonego. Testo di Emilio Villa.

Il sonno di Saffo: Manuela Bedeschi, Lucilla Catania, Alfonso Filieri, Annamaria Gelmi, Claudia Peill, Nelio Sonego. Testo di Emilio Villa.

Per acqua: Carlo Lorenzetti e Sandro Sanna. Testi di Simona Cigliana e Vincenzo Perna

Iridescente, E nulla accade, Come un insetto: Piero Varroni. Testi di Carla Vasio.

La testa d'abero: Irma Blank. Testo di Tito Maniacco.

Berlino Marzo 1995: Paolo Cotani. Testo di Edoardo Sanguineti.

Piccola collana di haiku Achille Pace, Marilena Scavizzi, Alessandro Gamba. Testi di Mario Lunetta.

Maggiori informazioni http://www.operalibro-it.it/news/opere-e-libri-a-verona/

Condividi contenuti